Le supplici: al teatro l’Avogaria di Venezia il capolavoro di Eschilo

 -  -  4


Lo spettacolo per la regia di Angelo Callipo, Sabato 8 giugno 2019, ore 21.00, ingresso libero Le supplici: al teatro l’Avogaria di Venezia il capolavoro di Eschilo  Replica domenica 9 giugno alle 21.00

Uno dei più grandi capolavori della tragedia greca. Sabato 8 giugno 2019, ore 21.00, ingresso libero, al Teatro Avogaria di Venezia (Dorsoduro 1607/A), in programma “Le supplici” di Eschilo.  In scena, gli allievi del “Laboratorio Mondo del Dramma” del Teatro a l’Avogaria diretti da Angelo Callipo, che ha adattato il testo e firmato la regia, danno respiro alla forza di temi mai tramontati, attraverso una recitazione che mescola tensione e sospensione, forza e riflessione, per uno spettacolo a metà tra rito e azione.

Le Supplici di Eschilo narrano la fuga delle figlie di Danao che, non volendo sposare gli odiosi cugini egizi, si rivolgono alla città di Argo, per cercare nel re Pelasgo aiuto e sostegno. Dopo alcuni tentennamenti, gli Argivi infatti non vogliono mettere in pericolo la pace scatenando una guerra contro l’Egitto, il re Pelasgo decide di rimettere la decisione all’assemblea dei cittadini e quest’ultima vota per accogliere la supplica delle donne. Tutto sembra risolto, ma sopraggiunge l’araldo degli Egizi che pretende di riportare con sé le figlie di Danao. Pelasgo si oppone: la guerra tra Argo e l’Egitto è ormai inevitabile. Le Danaidi vengono allora accompagnate dentro le mura della città, dove saranno protette, mentre gli uomini si preparano allo scontro.

La tragedia affronta temi molto attuali: la fuga delle donne di fronte alla violenza maschile, la migrazione verso terre promesse e il ruolo del volere popolare nelle decisioni politiche.

Da qui la scelta di una rappresentazione corale, questi temi infatti non possono che riguardare tutti, e che sottolinei il valore supremo della tolleranza e dell’aiuto reciproco. La diffidenza, l’arroganza, la violenza attraversano da sempre la storia dell’uomo, ma è sicuramente alla capacità di ascolto e di condivisione che affidiamo, nell’antica Grecia come oggi, la rinascita morale e civile di quell’essere sociale, nel quale Aristotele aveva riconosciuto l’essenza ultima dell’uomo.

L’Associazione Teatro a l’Avogaria, nasce nel 1969 dalla passione e dalla tenacia di Giovanni Poli, già fondatore del Teatro Universitario Ca’ Foscari di Venezia e dagli esordi si pone come laboratorio di ricerca che coniuga un metodo d’improvvisazione teatrale tra la Commedia dell’Arte e le Teorie dell’Avanguardia. In più di quarant’anni di attività ha prodotto oltre sessanta spettacoli tra cui la “Commedia degli Zanni”, rappresentata con successo sui più importanti palcoscenici internazionali. Riconosciuta come uno dei centri di formazione professionale di riferimento nel Triveneto, ogni anno organizza corsi, dedicati ad appassionati e professionisti, su discipline quali recitazione, Commedia dell’Arte, dizione, storia del teatro, canto, tecnica dell’interpretazione.

Lo Spettacolo, in replica domenica 9 giugno 2019, alle ore 21.00 su prenotazione telefonica ai numeri 0410991967-335372889 o via mail all’indirizzo avogaria@gmail.com.
   
Info: http://www.teatro-avogaria.it/
4 recommended
comments icon 0 comments
0 notes
127 views
bookmark icon

Write a comment...

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *