“Serata di stelle” 150° anniversario ospedale pediatrico Bambino Gesù

 -  -  4


Francesco Renga, Alessandra Amoroso, Giovanni Allevi, Renzo Arbore, Mahmood, Noemi, Fabio Rovazzi, J-Ax, Benji e Fede, Bianca Atzei, The Kolors, Irama, Giovanni Caccamo, Clementino, Elodie e ancora, i calciatori Roberto Mancini, Alessandro Florenzi, Ciro Immobile e Javier Zanetti tutti sullo stesso palco per un evento unico di spettacolo e solidarietà  condotto da Amadeus città del Vaticano, 20 novembre 2019 Ore 20.30 in diretta su Rai Uno Biglietti in vendita su Vivaticket.it

Francesco Renga, Alessandra Amoroso, Giovanni Allevi, Renzo Arbore, Mahmood, Benj e Fede, Bianca Atzei, Giovanni Caccamo, Clementino, Elodie, The Kolors, Irama, Noemi, Fabio Rovazzi, J-Ax, Alessandro Florenzi, Roberto Mancini, Ciro Immobile, Javier Zanetti: tanti ed importanti i nomi del mondo dello spettacolo, della musica e dello sport che il prossimo 20 novembre si ritroveranno a Roma per UNA SERATA DI STELLE PER IL BAMBINO GESU’, il grande evento di beneficenza condotto da AMADEUS in diretta su RAI UNO dall’Aula Paolo VI della Città del Vaticano. In occasione di questo importante evento benefico per festeggiare i 150 dell’Ospedale Pediatrico Bambino Gesù, saranno raccontate tante storie di speranza legate alla quotidianità del centro di eccellenza internazionale per la cura di bambini e ragazzi.

Un appuntamento imperdibile che coinvolgerà anche tutta la comunità del polo ospedaliero e vedrà alternarsi sul palco suggestivi momenti musicali e storie vere, raccontate dalle star e dai protagonisti.

Un viaggio emozionante e autentico nelle corsie della struttura sanitaria che accoglie ogni giorno racconti di battaglie coraggiose contro la malattia, ma anche di amore, speranza e determinazione.

Sarà la Serata Evento dell’Autunno Romano, alla quale sarà possibile partecipare dal vivo acquistando uno dei posti disponibili sui canali VIVATICKET (link https://www.vivaticket.it/ita/event/una-serata-di-stelle-per-il-bambino-gesu/134889 ) con biglietti a partire da 60 euro.

I proventi saranno devoluti all’Istituto dei tumori e dei trapianti dell’Ospedale Bambino Gesù. Il pubblico in sala avrà così la possibilità non solo di assistere ad uno spettacolo unico ma anche di contribuire al finanziamento della ricerca dedicata alle cure di bambini affetti da leucemie, linfomi, tumori e ai trapianti di organi e di cellule staminali emopoietiche.

E’ già attivo, a questo scopo, il numero solidale 45535, che permette di donare 2 euro da mobile e 5 o 10 euro da telefono fisso, promosso anche grazie al supporto di SIAE, di RTL 102.5, radio partner ufficiale dell’evento, Il Messaggero e Corriere dello Sport e delle squadre di calcio della Capitale.

E, in attesa del 20 novembre, è già possibile entrare nella realtà dell’Ospedale attraverso le pagine social ufficiali del Bambino Gesù. Ogni settimana, infatti, lo stesso Amadeus conduce il pubblico dentro la vita dell’Ospedale e presenta alcuni dei protagonisti della struttura: professionisti, medici, pazienti, impiegati, raccontandone la storia e ascoltando le loro voci.

OSPEDALE PEDIATRICO BAMBINO GESU’ – L’Ospedale Pediatrico Bambino Gesù è il primo ospedale pediatrico italiano istituito nel 1869 grazie alla famiglia Salviati che, nel 1924, lo ha donato a Papa Pio XI. Da quel momento tutti i Pontefici che si sono succeduti ne hanno promosso le attività a tutela della salute dei bambini e per tutti il Bambino Gesù è diventato “l’Ospedale del Papa”.

L’Ospedale ha continuato la sua crescita progressiva fino a raggiungere i 607 posti letto di oggi e un livello di eccellenza nella qualità e nella complessità delle cure per il quale viene identificato come punto di riferimento a livello internazionale per la salute dei bambini e dei ragazzi.

Nel 2019 l’Ospedale Pediatrico celebra i 150 anni dalla sua fondazione. L’evento del 20 novembre sarà a beneficio del nuovo Istituto dei tumori e dei trapianti “Bambino Gesù”.

 Com. Stam.

4 recommended
comments icon 0 comments
0 notes
86 views
bookmark icon

Write a comment...

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *