La Polizia arresta autore di violenze domestiche nei confronti della coniuge. La donna percossa fino ad esser costretta ad abortire

 -  -  6


Palermo: La Squadra Mobile di Palermo ha dato esecuzione all’Ordinanza di Custodia Cautelare in carcere emessa dal Giudice per le Indagini Preliminari presso il Tribunale di Palermo, dott.ssa Antonella Consiglio, a carico di F. I. ventenne palermitano.

La misura cautelare ha accolto la richiesta formulata dal Pubblico Ministero, dott.ssa Federica La Chioma, appartenente al pool specializzato della locale Procura della Repubblica, coordinato dal Procuratore Aggiunto Ennio Petrigni, che ritiene F.I. gravemente indiziato dei delitti di maltrattamenti, lesioni gravi, violenza privata e procurato aborto.

La misura cautelare ha accolto l’impianto accusatorio emerso dalle investigazioni svolte dagli uomini della 3 Sezione Investigativa della Squadra Mobile che hanno raccolto, a più riprese, le dichiarazioni di una giovane palermitana, vittima delle violenze di F.I.

La donna, poco più che ventenne anche lei, rendeva dichiarazioni che rappresentavano un quadro di prevaricazioni, subite quotidianamente. Le violenze sarebbero avvenute nel chiuso delle mura domestiche, nel corso della convivenza tra i due, che è perdurata per oltre un anno, nonchè al termine della relazione sentimentale, interrotta per volontà della ragazza. Alla interruzione del rapporto l’uomo reagiva insistendo nelle violenze, appena ne aveva occasione. La vicenda più recente, risalente alla fine dello scorso mese di febbraio, vedeva F.I. autore di un pestaggio che provocava la frattura delle ossa nasali alla sua vittima, costretta, in questa come in altre occasioni, alle cure del pronto Soccorso ospedaliero.

Il quadro emergente dalle indagini era caratterizzato

dalle percosse continue, di cui l’uomo si rendeva autore, al punto da provocare l’aborto della donna, che perdeva il figlio, frutto  della loro relazione allorché l’uomo, in preda ad uno scatto d’ira, la prendeva a calci sul ventre, pur consapevole del suo stato di gravidanza, determinando la perdita del feto.

6 recommended
comments icon 0 comments
0 notes
133 views
bookmark icon

Write a comment...

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *