Sanità, degenza in strutture ospedaliere pubbliche a pagamento per i giovani italiani residenti all’estero

 -  -  3


Figuccia: “Rimborsare le spese sanitarie dei giovani costretti a fuggire dal proprio paese nativo per mancanza di prospettive”

Palermo, 20 febbraio 2020 “Negli ultimi anni il trend legato all’immigrazione giovanile è in forte aumento a causa della mancanza di prospettive che offre il nostro paese, come certificato dagli ultimi dati statistici ufficiali. Sovente i genitori costretti a separarsi dai figli che, intraprendono nuovi percorsi all’estero, sostengono questo passaggio anche a livello economico se necessario.”- Lo dichiara l’on. Vincenzo Figuccia deputato all’Ars e leader del Movimento CambiAmo la Sicilia

“Si sono verificati casi in cui giovani italiani rientrati in Sicilia dall’estero per brevi periodi, hanno avuto urgenza di recarsi al pronto soccorso territoriale più vicino.Eseguiti i primi accertamenti e trasferiti per essere ricoverati, – prosegue Figuccia – al momento delle dimissioni dal reparto ospedaliero, sono stati trattenuti presso la struttura fino a quando qualcuno, spesso i loro genitori, hanno dovuto pagare le spese sanitarie legate al periodo di degenza in ospedale”.

“Tutto questo è ancora più avvilente poiché avvenuto nei confronti di giovani senza reddito, studenti, nullatenenti trasferiti all’estero in cerca di una vita dignitosa.
Tale trattamento ingiustificato, – continua il parlamentare – si scontra con un sistema sanitario i cui principi fondamentali sono l’universalità, l’uguaglianza e l’equità e con la stessa Costituzione della Repubblica italiana che riconosce il diritto alla salute a tutti gli esseri umani”.

“Per tali motivazioni – conclude Figuccia – ho depositato un’interrogazione parlamentare rivolta all’Assessore alla Salute,
In modo da rimborsare le spese sanitarie legate alla degenza negli ospedali pubblici del territorio regionale per i cittadini italiani residenti all’estero, costretti a fuggire dal proprio paese nativo per mancanza di prospettive.

Com. Stam.

3 recommended
comments icon 0 comments
0 notes
143 views
bookmark icon

Write a comment...

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *