miart 2020 annuncia il Premio On Demand

 -  -  6


miart 2020 17 – 19 aprile 2020 fieramilanocity, padiglione 3, gate 5 Milano. miart, la fiera internazionale d’arte moderna e contemporanea organizzata da Fiera Milano, è lieta di annunciare il nuovo concept del Premio On Demand by Snaporazverein, che espande e consolida la sua attuale missione di supporto alla produzione creativa.

Nato dalla collaborazione tra miart e Snaporazverein, il premio di 10.000 euro è giunto quest’anno alla sua quarta edizione e sarà assegnato a un artista le cui opere saranno esposte a miart 2020 e la cui pratica include elementi performativi. L’artista vincitore avrà la possibilità di sviluppare una nuova produzione che sarà presentata al Triennale Milano Teatro, in occasione dell’edizione 2021 della Milano Art Week, dopo una residenza presso la Casa degli Artisti di Milano di recente apertura.

Questa collaborazione senza precedenti tra miart, Snaporazverein, Triennale Milano Teatro e Casa degli Artisti evidenzia il ruolo della fiera come agente attivo nella promozione di iniziative culturali e collaborazioni istituzionali.

miart è inoltre lieta di annunciare i membri della giuria internazionale del premio On Demand by Snaporazverein:

Cristina Cámara Bello, Curatrice della collezione di film e video, Museo Nacional Centro de Arte Reina Sofía, Madrid
Marcella Lista, Capo Curatrice della New Media Collection, Centre national d’art et de culture Georges Pompidou, Parigi
Bart Van Der Heide, Storico dell’Arte e creatore di mostre, Milano (Direttore, Museion, Bolzano da giugno 2020)

Fondata nel 2012 da Federica M. Bianchi, Snaporazverein è un’associazione dedicata al patrocinio di produzioni sperimentali, di progetti artistici e performativi, installazioni, teatro e danza. Snaporazverein ha recentemente supportato progetti come lo spettacolo di danza Augusto (2018) di Alessandro Sciarroni, l’installazione We lost the Sea (2018) e omonimo libro d’artista (2020) di Federica Di Carlo, i video Poor Poor Jerry (2017) di Rä Di Martino e Tengusong (2017) di Marco Belfiore, il docufiction Vangelo (2016) di Pippo Delbono, l’installazione e performance Le grand jeu (2014-2016) di Meris Angioletti, la piece teatrale performativa Holiday on Stage (2013-2014) di Martin Schick e Damir Todorovic, l’installazione cinematografica Alberi (2013) di Michelangelo Frammartino, l’installazione The Hidden Mothers (2013) di Linda Fregni Nagler, insieme a diversi progetti multimediali di Masbedo (Nicolò Massazza e Iacopo Bedogni).

Com. Stam.

 

6 recommended
comments icon 0 comments
0 notes
87 views
bookmark icon

Write a comment...

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *