Capodanno, “il presepe vivente” della parrocchia Gesù sacerdote

 -  -  12


Palermo: Nel primo giorno dell’anno alla parrocchia Gesù sacerdote di via Castellana, abbiamo trovato un “presepe vivente” allestito per l’occasione ma stavolta è tutto vero.

Niente pastori, niente re magi, nemmeno il bue e l’asinello. Lo spirito è quello del Natale più autentico come lo stesso Gesù adagiato su una mangiatoia, vorrebbe ancora oggi. Salvo e Angela una coppia di giovani genitori, aiutati da alcuni volontari, scelgono di donare il proprio tempo per chi in questo giorno così sentito, non avrebbe avuto inviti da parenti e amici. Decine di indigenti, accorrono verso “la mangiatoia” per trovare il calore del pasto caldo nella parrocchia di padre Antonino Vicari, trovano il sorriso di genitori provati dal dolore della perdita ma vogliosi di rendere quella mancanza un dono per tanti fratelli meno fortunati. Il pranzo è servito dall’antipasto al panettone nelle ore in cui tanti palermitani brindano nel tepore delle proprie abitazioni. “Facciamo tutto questo con spirito di gratuità e di servizio – dicono i promotori dell’iniziativa – teniamo vivo il ricordo del nostro piccolo Riccardo che dal paradiso gioirà nel vedere sorridere questa gente”. Già da tre anni infatti, i due coniugi organizzano il pranzo di capodanno per i poveri e le famiglie sventurate del palermitano. E con loro ci sono diverse coppie che hanno vissuto una perdita importante: sono chef, cuochi, camerieri, animatori, pronti a rendere bello questo momento. Così le pecorelle di Dio, si radunano ancora una volta nella sua casa dove c’è sempre posto per tutti, dove la fragilità e l’umiltà di chi non si nasconde, sono le benvenute.

Il presepe quello vero, è fatto. Buon anno a tutti, anche ai palermitani più in difficoltà!

Com. Stam.

12 recommended
comments icon 0 comments
0 notes
694 views
bookmark icon

Write a comment...

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: