Arriva a Bagheria “Operazione Risorgimento Digitale” di TIM

 -  -  3


Una grande “scuola mobile digitale” da oggi in Piazza Garibaldi e corsi in aula gratuiti fino al 13 dicembre per insegnare Internet e le sue potenzialità

Il progetto toccherà tutte le 107 province italiane coinvolgendo oltre 400 formatori che svilupperanno un programma di 20mila ore di lezione. Obiettivo: insegnare Internet a 1 milione di persone

 

Bagheria (PA), 18 novembre 2019

Bagheria ospita da oggi l’iniziativa “Operazione Risorgimento Digitale” di TIM, un grande progetto che ha l’obiettivo di dare a tutti la possibilità di diventare “cittadini di Internet” e accelerare in questo modo il processo di digitalizzazione del Paese.

Le attività sono state avviate questa mattina, alla presenza dell’assessore ai Servizi a Rete, Angelo Barone, e del Responsabile Operations Area Sud di TIM, Marco Battisti, con l’arrivo in Piazza Garibaldi del “truck” di TIM, una vera e propria “scuola mobile” che fino a venerdì 22 funzionerà da “sportello digitale” in cui i cittadini potranno richiedere informazioni, attivare i servizi che abilitano alla vita digitale e partecipare a brevi lezioni. La “scuola mobile” anticiperà l’avvio dei corsi in aula, che si terranno in diverse location cittadine dal 25 novembre al 13 dicembre, attraverso lo svolgimento di attività didattiche articolate su diversi livelli con un team di formatori pronti a spiegare al pubblico come Internet possa migliorare concretamente la vita quotidiana.

Risorgimento digitale è un titolo che mi piace perché sto lavorando su più fronti al risorgimento di questa città – a dichiararlo il sindaco di Bagheria, Filippo Maria Tripoli nel plaudire all’iniziata di TIM che vede Bagheria tra i 107 comuni coinvolti in tutta la Penisola –.

“Il risorgimento non può assolutamente escludere l’ITC, le nuove tecnologie informatiche, la comunicazione – dice l’assessore ai Servizi a Rete, Angelo Barone -. Questo progetto che coinvolge l’intera comunità bagherese, dai cittadini ai dipendenti comunali, con degli utili momenti formativi è stato sposato sin da subito dall’amministrazione comunale come opportunità di crescita ed arricchimento e di sviluppo e ci dà una mano con la formazione del personale comunale.

TIM, da sempre impegnata a dare impulso allo sviluppo digitale del territorio, dapprima, ha realizzato le infrastrutture di nuova generazione che già oggi consentono di abilitare servizi e soluzioni innovative, dalla mobilità urbana alla sicurezza, dal monitoraggio ambientale ai trasporti, fino all’offerta turistica e all’entertainment, ora, con il progetto “Operazione Risorgimento Digitale”, vuole essere protagonista nell’abilitare le conoscenze pratiche di tutti i cittadini al fine di usufruire dei vantaggi della rete e far scoprire loro come migliorare la vita quotidiana, diventando cittadini di internet – ha dichiarato Marco Battisti, Operations Area Sud di TIM -“.

Attraverso le lezioni in piazza, all’interno della “scuola mobile“, i cittadini potranno scoprire Internet e le sue potenzialità in 10 brevi sessioni formative da meno di un’ora, con le quali imparare ad utilizzare i principali servizi digitali. In parallelo i cittadini potranno iscriversi al programma in aula, articolato in 3 moduli da 2 ore, che coinvolgerà i partecipanti per tre settimane consecutive (dal 25 al 29 novembre, dal 2 al 6 dicembre e dal 9 al 13 dicembre) con l’obiettivo di insegnare loro dieci cose facili e utili per diventare cittadini di Internet, come ad esempio, entrare in rete, trovare informazioni, comunicare, condividere e vivere le proprie giornate da cittadino digitale. I corsi si svolgeranno sia la mattina che il pomeriggio dal lunedì al venerdì in diverse location cittadine: Sala Consiliare in Corso Umberto, Villa Butera, I.P.S.I.A. Salvo D’Acquisto, Scuola Secondaria di I Grado Ignazio Buttitta, Scuola Primaria Emanuela Loi.

Il progetto, che a livello nazionale raggiungerà 1 milione di persone attraverso un intenso programma di formazione gratuito nelle 107 province italiane, vedrà impegnati circa 400 formatori TIM che offriranno oltre 20mila ore di lezioni, coinvolgendo associazioni, centri di aggregazione ed incontro territoriali, polisportive e centri anziani.

Tra gli esempi concreti di strumenti che favoriscono la partecipazione attiva alla vita digitale da parte di un sempre più ampio bacino di persone, l’attivazione dello SPID (Sistema Pubblico di Identità Digitale), la soluzione che permette di accedere, anche da dispositivi mobili, ai servizi online della Pubblica Amministrazione (INPS, INAIL, Agenzie delle entrate, Portali del cittadino, etc.) e dei privati abilitati, con un’unica Identità Digitale (user e password). E ancora, pagare il parcheggio o acquistare i biglietti di un museo con lo smartphone, utilizzare le App per avere sempre a portata di click la musica e i film preferiti, creare e modificare foto e video, oppure saper riconoscere le fake news e prevenire i rischi del web.

È possibile iscriversi ai corsi e chiedere ulteriori informazioni sia attraverso il Numero Verde dedicato 800 860 860 sia online attraverso la pagina web https://operazionerisorgimentodigitale.it .

Dopo Marsala, dove lunedì scorso è partito il progetto, e Bagheria, le successive tappe in Sicilia saranno: Sciacca (25 novembre), Enna (2 dicembre), Niscemi (9 dicembre), Modica (16 dicembre), Noto (13 gennaio), Acireale (21 gennaio) e Milazzo (27 gennaio).

L’iniziativa aderisce al Manifesto della Repubblica Digitale promosso dal Commissario Straordinario del Governo per l’attuazione dell’Agenda Digitale, ha il patrocinio della Rappresentanza in Italia della Commissione Europea, dell’ANCI ed è aperta al contributo di altre aziende, istituzioni e operatori pubblici e privati in ottica di ecosistema per fare rete e massimizzare le opportunità per i cittadini.

Com. Stam.

 

3 recommended
comments icon 0 comments
0 notes
87 views
bookmark icon

Write a comment...

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *