Acireale. Workshop su comunicazione pubblica e percorsi di umanizzazione a un anno di attività di “Benvenuto ti ascolto…”

 -  -  5


Lunedì 4 novembre saranno presentati, presso l’ospedale di Acireale, i dati di attività del progetto “Benvenuto ti ascolto…”, coordinato dall’UO Comunicazione e URP e realizzato presso gli Ospedali di Acireale, Biancavilla e Bronte, Caltagirone e Militello in Val di Catania, Paternò. Le azioni progettuali hanno riguardato aspetti centrali della comunicazione pubblica e dell’umanizzazione dei servizi.

Acireale – Lunedì 4 novembre, a partire dalle ore 9.00, presso il Presidio Ospedaliero “Santa Marta e Santa Venera”, è in programma il Workshop “Comunicazione pubblica, percorsi di umanizzazione e di accoglienza nella rete ospedaliera dell’Asp di Catania”.

L’appuntamento è organizzato dall’UO Comunicazione e URP, diretta dal dott. Salvatore Cacciola, per presentare i dati di attività del progetto “Benvenuto ti ascolto”, a un anno dal suo avvio.

Il programma della giornata prevede dopo la registrazione dei partecipanti, il saluto del dott. Maurizio Lanza, direttore generale dell’Asp di Catania, del dr. Antonino Rapisarda e del dott. Giuseppe Di Bella, rispettivamente direttore sanitario e direttore amministrativo dell’Azienda sanitaria catanese.
A seguire gli interventi di:
– dott. Salvatore Cacciola, dirigente responsabile UO Comunicazione e URP – UO EPSA
– dr. Vito Litrico, direttore UOC Coordinamento Staff
– dr. Alfio Cristaudo, direttore medico del PO di Acireale
– dott. Angelo Murgo, presidente Comitato consultivo dell’Asp di Catania
e la presentazione dei risultati del progetto per singolo Presidio.
Il progetto “Benvenuto ti ascolto…” è stato realizzato presso gli Ospedali di Acireale, Biancavilla e Bronte, Caltagirone e Militello in Val di Catania, Paternò.
Le attività sono state condotte da 4 assistenti sociali, reclutati attraverso avviso pubblico, rispettivamente: la dott.ssa Tiziana Lo Monaco, il dott. Sebastiano Pomona, la dott.ssa Chiara Iannaci e la dott.ssa Noemi Mormina.
Gli obiettivi progettuali hanno riguardato:
– l’accoglienza e l’informazione
– la rilevazione della qualità percepita al Pronto Soccorso
– l’umanizzazione delle cure
– la Carta dei servizi
– le visite nei reparti e i colloqui individuali
– la partecipazione dei cittadini
– la gestione dei reclami/segnalazioni.

Com. Stam.

5 recommended
comments icon 0 comments
0 notes
90 views
bookmark icon

Write a comment...

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *