LEGA. Rizzotto “Assenza di democrazia nel partito”

 -  -  2


Il deputato regionale Tony Rizzotto, che nel 2017 era stato eletto all’Assemblea Regionale Siciliana nella lista “Noi con Salvini”, divenendo il primo deputato leghista in Sicilia, ha oggi spiegato i motivi del proprio abbandono del partito del vicepremier.

Rizzotto ha innanzitutto chiarito di aver lasciato la lega, come dimostrato dalle note alla stampa e da sue comunicazioni inviate a Salvini e Giorgetti il 2 luglio, “e non certo di essere stato espulso.”

“Dopo il commissariamento del partito in Sicilia – ha spiegato – c’è stato un grave calo nei livelli di dialogo e democrazia interni alla Lega in Sicilia, con l’estromissione non solo dalle decisioni ma anche dai momenti di incontro, di molti di coloro che avevano aderito a questo progetto fin dalla prima ora.

Per di più, si è dato spazio, ancora una volta senza alcun processo democratico, a persone che in poche settimane, da consiglieri comunali di altre forze politiche hanno assunto incarichi di grande responsabilità, come Igor Gelarda, che, eletto fra le fila del Movimento 5 Stelle, in meno di trenta giorni è diventato responsabile dell’organizzazione.”

Altro elemento di contrasto è stato, per Rizzotto “il fatto che non sia stato messo in condizione di poter svolgere il mio lavoro di parlamentare, di contatto fra istituzioni e territorio. Mi si rinfaccia di non aver prodotto attività parlamentare, ma questo è avvenuto perché mi sono trovato di fronte ad una situazione assurda per cui Salvini mi aveva invitato a rimanere accanto al Presidente Musumeci, mentre il Commissario Candiani ed altri esponenti della Lega lo attaccavano. Allo stesso tempo, nessuna collaborazione è venuta quando ho posto questioni che, da partito di governo, richiedevano l’impegno del Governo nazionale o di strutture nazionali.”

“Non è venuta meno la mia stima per Salvini e Giorgetti – ha aggiunto Rizzotto – ma sicuramente non vi erano più le condizioni per poter svolgere attività politica con questa Lega in Sicilia.”

Com. Stam.

2 recommended
comments icon 0 comments
0 notes
103 views
bookmark icon

Write a comment...

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *