Killer in fuga considerateli pericolosi, sono sospettati di tre omicidi

 -  -  5


Kam McLeod, 19 anni, e Bryer Schmegelsky, 18 anni, sono scomparsi da quando il loro camioncino Dodge è stato trovato abbandonato e in fiamme sull’autostrada dell’Alaska – nota anche come autostrada 37 – nella Columbia Britannica settentrionale il 19 luglio. Fino a martedì i due canadesi risultavano semplicemente dispersi.

Faccia da bravi ragazzi, sono in fuga e pericolosi Bryer Schmegelsky e Kam McLeod, due canadesi di 18 e 19 anni. Fino a martedì, erano considerati due ragazzi scomparsi come tanti, svaniti nel nulla mentre si recavano verso nord in cerca di lavoro. Ora, però, le foto segnaletiche dei due giovani servono per mettere in guardia la gente dall’avvicinarsi a loro in caso di avvistamento. Sono infatti sospettati di aver ucciso una coppia di turisti in viaggio attraverso il Canada e un uomo non ancora identificato. McLeod e Schmegelsky, amici fin dai tempi delle elementari, secondo la Royal Canadian Mounted Police (RCMP) sono ritenuti i principali sospettati degli omicidi dell’australiano Lucas Fowler, 23 anni, e la sua ragazza Chynna Deese, un’americana di 24, ritrovati cadavere il 15 luglio scorso al bordo dell’autostrada dell’Alaska nei pressi di Liard Hot Springs, nella Columbia Britannica. I due sarebbero inoltre responsabili della morte di un uomo dall’identità ancora ignota e di età compresa tra i 50 e i 60 anni rinvenuto senza vita vicino a Dease Lake, a più di 470 km di distanza dalla scena del primo crimine. Gli investigatori hanno collegato gli adolescenti a tutti e tre gli omicidi e hanno avvertito il pubblico che dovrebbero “considerarli armati e pericolosi”. Quattro giorni dopo il primo ritrovamento e due chilometri più a nord del luogo del secondo, la polizia aveva rinvenuto il furgoncino carbonizzato di McLeod e Schmegelsky. Le loro famiglie avevano denunciato la loro scomparsa. I due, avevano spiegato i genitori, erano partiti da Port Albeni, sull’Isola di Vancouver, con l’intento di raggiungere Whitehorse, più di 2’500 chilometri più a nord, per cercare un lavoro. Giovanni D’Agata presidente dello “Sportello dei Diritti” rilanciando l’allerta della polizia canadese anche ai nostri connazionali che si trovano nel paese per lavoro o turismo: «Chiediamo al pubblico, se scorgete Kam o Bryer, considerateli pericolosi», ha dichiarato la sergente Janelle Shoihet nel corso di una conferenza stampa. «Non fate nulla e chiamate il numero di emergenza 911», ha aggiunto.

Giovanni D’AGATA

Com. Stam./foto “Sportello dei Diritti”

5 recommended
comments icon 0 comments
0 notes
93 views
bookmark icon

Write a comment...

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *