Caso Gnuri, Figuccia: “difendiamo i cavalli contro il falso progressismo”

 -  -  7


“La vicenda dei cosiddetti gnuri palermitani è ancora una volta una buona occasione per far venire a galla tutta l’incoerenza del progressismo di sinistra – a dirlo è Angelo Figuccia presidente del comitato per i diritti dei cittadini che prosegue – c’è su tutti il consigliere comunale Giulio Cusumano che senza indugi, come si apprende dalla stessa stampa, difende con fierezza la causa dei cocchieri che guidano le carrozze a trazione animale nella città di Palermo.

Ecco che le battaglie civili, non ultima quella per assicurare i diritti degli animali, vengono presto smentite da un falso conservatorismo che disorienta il povero elettorato di coloro i quali allestono il gay pride, incensano coppie di fatto e osannanol’autodeterminazione in nome della libertà. Quell’ elettorato che ora è aizzato sulle grandi riforme e sull’innovazione di un futuro socialmente ammodernato, ora deve fare i conti con personalismi retrogradi e tradizionalisti. Un’incoerenza che sconcerta – dice l’ex consigliere comunale – e che fa ben intendere come e quanto si professino certi valori etici e politici. Voglio ricordare ai signori progressisti che appena qualche anno fa uno di questi poveri einstancabili cavalli, si è accasciato morente in pieno centro proprio a Piazza Verdi nel cuore della città davanti a centinaia di turisti. Quei docili animali vanno difesi e tutelati con ogni mezzo e aldilà di quanto verrà stabilito nei prossimi giorni da Roma sulla regolamentazione della materia – conclude – non resta che lasciar riflettere i simpatizzanti del falso riformismo e del falso progressismo”.

Com. Stam. Ric. Pubbl.

7 recommended
comments icon 0 comments
0 notes
80 views
bookmark icon

Write a comment...

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *