AMG In funzione le luci led della croce di San Benedetto il Moro Zona Medaglie d’Oro, riaccesi 330 punti luce

 -  -  3


Un intervento di manutenzione specifico per l’illuminazione della croce posta sull’eremo di San Benedetto il Moro ma anche la riparazione di quattro guasti sugli impianti di illuminazione della zona compresa fra via Gustavo Roccella e via Ernesto Basile e la zona di via Ammiraglio Rizzo con la riaccensione di circa 330 punti luce. Sono queste alcune delle attività completate dagli operatori di AMG Energia Spa questa settimana.

Già da ieri sera, a conclusione di un intervento reso complicato dalle difficili caratteristiche geografiche dei luoghi che hanno duramente impegnato gli operatori, è tornata alla piena funzionalità l’illuminazione della croce di San Benedetto il Moro, patrono, assieme a Santa Rosalia, della diocesi di Palermo. La croce si trova accanto alla cappella di San Benedetto, alle pendici di Monte Grifone, sopra il convento di Santa Maria di Gesù, raggiungibile soltanto attraverso un sentiero percorribile a piedi, attraverso cui gli operatori hanno trasportato attrezzature e pezzi di ricambio. L’illuminazione è garantita da un impianto innovativo e a bassissimo impatto ambientale, formato da strisce di led da 58 watt complessivi e alimentate da un impianto fotovoltaico “stand-alone”, cioè isolato dalla rete elettrica pubblica, collocato a circa 20 metri dalla croce, su cui è stato effettuato un intervento di verifica e manutenzione ordinaria con la sostituzione delle batterie. Il regolatore di carica dell’impianto fotovoltaico gestisce automaticamente l’accensione della croce e il suo spegnimento, mantenendo in funzione ogni giorno i led per sette ore.

Gli operatori della società hanno anche completato la riparazione di quattro guasti su tre circuiti alimentati dalla cabina “Medaglie d’Oro” e sul circuito che alimenta gli impianti della zona compresa fra le vie Ammiraglio Rizzo e Gulì.  “Proprio in questi giorni ho rivolto un plauso agli operatori per il lavoro che svolgono quotidianamente con dedizione e professionalità, in considerazione della situazione degli impianti di illuminazione cittadini molti dei quali sono ormai troppo datati e arrivati ben oltre la fine della loro vita tecnica utile, superata la quale l’impianto andrebbe sostituito con uno nuovo”, sottolinea l’amministratore unico di AMG Energia Spa, Mario Butera. Particolarmente complesso è stato l’intervento effettuato per il ripristino dei tre circuiti (Roccella/Basile/Verdinois 1 e 2 e Raiti/Basile) alimentati tutti dalla cabina “Medaglie d’Oro” per il coinvolgimento nel disservizio di alcuni trasformatori, messi a dura prova anche dalle temperature elevate di questi giorni: la riparazione dei tre guasti ha consentito la riaccensione di oltre 250 punti luce. Altri 80 punti luce sono tornati in funzione nella zona di via Ammiraglio Rizzo dove è stato ripristinato il circuito Marturano/Rizzo/Gulì. E’ stato rinviato, invece, l’intervento di ripristino di un guasto sul circuito Vanvitelli/Trabucco/Cruillas a causa della caduta di calcinacci dal soffitto della cabina di media tensione “Cep”, dove vanno effettuate le riparazioni. Per ragioni di sicurezza e a tutela dell’incolumità del personale di AMG Energia, l’accesso alla cabina è stato inibito e il circuito disattivato: rimangono spenti 80 punti luce nella zona di Cruillas. Le cabine di media tensione, come tutti gli impianti di illuminazione cittadini, sono di proprietà del Comune di Palermo: AMG Energia ha subito informato gli uffici comunali competenti e inviato una comunicazione per definire i provvedimenti da adottare. E’ necessario, infatti, ripristinare le condizioni di sicurezza in cabina con un intervento edile urgente da parte del Coime, in modo da poter consentire ad AMG Energia di riparare il guasto.

Foto : impianti in funzione zona Medaglie d’Oro, croce di San benedetto il Moro

Com. Stam.

3 recommended
comments icon 0 comments
0 notes
58 views
bookmark icon

Write a comment...

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *