Attività ispettiva “insolita” negli uffici del Gruppo del M5S al Comune di Catania. I consiglieri chiedono chiarezza e invocano l’art. 36 del Regolamento del Consiglio

 -  -  5


Catania, 15 giugno 2019– I membri del Gruppo Consiliare del Movimento 5 Stelle di Catania rilevano una “insolita” attività ispettiva da parte del Presidente del Consiglio Comunale, Giuseppe Castiglione che, nella giornata di ieri ha chiesto agli uffici del Gruppo di verificare alcune recenti interrogazioni ed i relativi destinatari.

Questa “irruzione” nella stanza è motivata da alcune nuove disposizioni interne all’amministrazione comunale. Infatti, sulla base di un documento datato del 18 aprile a firma del Segretario Generale del Comune di Catania Rossana Manno è stato stabilito che le interrogazioni devono pervenire al Direttore della Presidenza del Consiglio e al Presidente.

Successivamente, il 29 aprile, è stata diramata una nota, a firma dell’avv. Russo, Direttore della Presidenza, a ulteriore conferma di quanto disposto dal Segretario Generale.

“Queste recenti disposizioni però – sottolineano i consiglieri del M5S – vanno a confliggere nettamente con l’art. 36 del Regolamento del Consiglio Comunale che, invece, stabilisce che le interrogazioni vanno presentate al Sindaco o alla Giunta. Il fatto che il Presidente Castiglione abbia fatto questa attività ispettiva nei nostri uffici è un episodio grave che deve essere approfondito”.

Com. Stam. Ric. Pubbl.

5 recommended
comments icon 0 comments
0 notes
87 views
bookmark icon

Write a comment...

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *