Cade con uno skateboard elettrico, muore un 42enne.

 -  -  3


 L’uomo è deceduto in ospedale dopo che venerdì era rimasto gravemente ferito su una strada di Bellmund, località a sud di Bienne, in Svizzera. Lo Sportello dei Diritti: “Chi si lancia nel traffico può andare incontro a conseguenze sanzionatorie. La circolazione mediante tavole, pattini od altri acceleratori di andatura, infatti, è vietata sulla carreggiata delle strade, ma anche sugli spazi riservati ai pedoni.”

È morto in ospedale un uomo che aveva riportato gravi ferite venerdì su una strada di Bellmund, poco a sud di Bienne, in Svizzera, cadendo con uno skateboard elettrico. Si tratta di un residente nel cantone di 42 anni, scrive in una nota odierna la polizia bernese. La vittima era stata trasportata con l’elicottero in ospedale, dopo i primi soccorsi prestati dai passanti. Un’indagine è stata aperta per far luce sull’incidente. Sull’uso di skateboard elettrici interviene, Giovanni D’Agata, presidente dello “Sportello dei Diritti”, che ricorda in Italia questo tipo di tavola su quattro ruote può essere usato solo su proprietà privata. Infatti, il disposto dell’articolo 190, comma 8, codice della strada, prescrive: “la circolazione mediante tavole, pattini od altri acceleratori di andatura è vietata sulla carreggiata delle strade”. Lo skateboard, indipendentemente dal fatto che sia elettrico o no, è un acceleratore di andatura, per cui non può circolare sulla carreggiata stradale. La circolazione con uno skateboard (elettrico) sulla carreggiata, come se fosse un veicolo, importa quindi la sanzione prevista dall’articolo 190, codice della strada. Chi si lancia nel traffico con questo strumento può quindi andare incontro a conseguenze sanzionatorie.

Giovanni D’AGATA

Com. Stam./foto fonte dello “Sportello dei Diritti

3 recommended
comments icon 0 comments
0 notes
172 views
bookmark icon

Write a comment...

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *