Ars. Ddl sulla semplificazione amministrativa. Figuccia: “opposizione irresponsabile rispedisce testo in Commissione.”

 -  -  2


Lo scorso martedì 26 marzo, dopo mesi d’inerzia del Parlamento Siciliano, si era aperta la discussione generale in Aula su un importante disegno di legge, riguardante i temi delle procedure relative all’azione amministrativa.

Bisogna tenere presente che, ogni giorno in Sicilia, migliaia di persone si scontrano con gli uffici pubblici a causa della burocrazia”. – A Dichiararlo è l’on. Vincenzo Figuccia Deputato Udc dell’ Ars e leader del Movimento CambiAmo La Sicilia -.

“Tempi incerti, responsabilità non assegnate, assenza di digitalizzazione, rappresentano, infatti,  vere e proprie sabbie mobili in cui si imbattono i cittadini”.

Come apprendiamo quotidianamente dalla cronaca, – prosegue Figuccia – non mancano purtroppo fatti gravi legati a tale questione, che possono portare degli onesti lavoratori  a compiere gesti estremi come il suicidio. Oltretutto, la lentezza della burocrazia, la corruzione ed i poteri forti, allontanano gli investitori esteri che, potrebbero dare un forte impulso ad un economia in difficoltà come quella siciliana”.

“Malgrado le premesse, ieri in Aula, un’opposizione assolutamente irresponsabile, composta dal Partito Democratico e dal Movimento cinque Stelle, ha chiesto e ottenuto che il disegno di legge tornasse in Commissione.

Questo significa che non si procederà in alcun modo allo snellimento delle procedure amministrative.

Questo significa che non ci sarà alcuna semplificazione amministrativa in Sicilia.

Questo significa  che i cittadini, – continua Figuccia – non vedranno nessuna riforma che va nella logica di aiutare e sostenere chiunque abbia la necessità di recarsi presso un ufficio pubblico”.

“Rimane, quindi, quella odiosa norma che di fatto è una norma contro i cittadini stessi.

Per tali ragioni, voglio ringraziare tutti i Parlamentari che oggi si sono opposti al disegno di legge di cui ero relatore, schierandosi contro l’interesse generale dei siciliani!

Da questo momento – conclude Figuccia –  inizierò una lotta senza tregua, affinché questo testo possa ritornare in Aula.  Chiedo ai cittadini  che hanno a cuore il  futuro di questa terra, di aiutarmi a riprendere questa vertenza che rappresenta una conquista di civiltà”.

Com. Stam.

2 recommended
comments icon 0 comments
0 notes
132 views
bookmark icon

Write a comment...

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *