Sabrina Figuccia: “Ci voleva l’ennesima tragedia per accendere i riflettori sullo sgombero definitivo del campo Rom?”

 -  -  5


“Prima il grande dispiegamento di uomini e mezzi per sgomberare, finalmente dopo tantissimi anni, il campo rom della Favorita. Poi, pian piano, è calato l’oblio con ipotetici slittamenti e proroghe del completamento delle operazioni”.

Lo afferma Sabrina Figuccia, consigliere comunale dell’Udc, che prosegue: “La morte del povero Aldo, il clochard barbaramente ucciso sotto i portici di piazzale Ungheria da un ragazzino rom, ha violentemente riacceso i riflettori su una vicenda caduta nel dimenticatoio, lo sgombero definitivo del campo Rom, che, secondo i primi trionfali annunci del sindaco Orlando e dei suoi, doveva essere completato in pochissime settimane.

Invece, la realtà è diversa. Se è vero che la magistratura aveva individuato di procedere secondo “criteri di ragionevolezza e buonsenso”, c’è da chiedersi in che modo l’attuale amministrazione comunale abbia interpretato tanti indicazioni, considerato che trent’anni non sono stati sufficienti per eliminare definitivamente un luogo di sofferenza ma anche di delinquenza e inciviltà. Orlando, che si riempie tanto la bocca di legalità ed accoglienza, essendo stato il padre di questo campo, adesso troverà il modo per uscire da questo vicolo cieco? O, come spesso accade, darà la colpa a qualcun altro?”

Com. Stam. Ric. Pubbl.

5 recommended
comments icon 0 comments
0 notes
108 views
bookmark icon

Write a comment...

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *