Decreto Salvini, il Garante Infanzia e Adolescenza: “Il rischio è quello di annullare il lavoro svolto fino ad oggi”

 -  -  7


Appuntamento domani (mercoledì 28 novembre) alle ore 15 all’Ecomuseo del Mare

Idecreto Sicurezza e Immigrazione annulla tutti gli sforzi d’accoglienza e integrazione realizzati fino ad oggi nel territorio, nei confronti dei minori stranieri non accompagnati. A Palermo sono 140 i ragazzi e le ragazze seguiti dai tutori con una progettazione già avviata.  Palermo inoltre vanta un Modello unico in Italia che vede la sinergia di istituzioni, enti ed associazioni e il decreto Salvini vanificherebbe non solo il lavoro realizzato ma anche i risultati raggiunti”.

E’ questa la preoccupazione sollevata dal Garante per l’Infanzia e l’Adolescenza del Comune di Palermo, Pasquale D’Andrea, che ha indetto un’iniziativa aperta a tutta la cittadinanza e agli operatori domani (mercoledì 28 novembrealle ore 15 all’Ecomuseo del Mare, Via Messina Marine, 27. Lo scopo è quello di  individuare strategie e risorse economiche che, attraverso il canale della solidarietà, possano garantire ai ragazzi e le ragazze stranieri non accompagnati neomaggiorenni la  continuità del percorso di inclusione sociale, faticosamente costruito con l’impegno di tanti ( tutori, operatori sociali e legali, rappresentanti delle istituzioni locali).

Il Modello Palermo è un processo sperimentale diviso in fasi, collegate tra loro e definito in tempi precisi e in attuazione della legge 47/2017 “Disposizioni in materia di misure di protezione dei minori stranieri non accompagnati”, e permette al tutore volontario, nel momento in cui prende in carico il minore straniero non accompagnato, non solo di assisterlo ma anche di attuare un percorso alternativo di accoglienza e dunque di integrazione del ragazzo o della ragazza all’interno del territorio, attraverso le realtà presenti.

Com. Stam.

7 recommended
comments icon 0 comments
0 notes
200 views
bookmark icon

Write a comment...

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *