Libia: per gli Stati Uniti la situazione è insostenibile

 -  -  1


La situazione per gli Stati Uniti è diventata ormai insostenibile in Libia. Ad affermarlo è il portavoce della Casa Bianca, Josh Earnest, ribadendo l’impegno che le Nazioni Unite stanno conducendo per cercare una soluzione diplomatica alla crisi. La Libia ormai è un paese dove regna il caos, in cui bande armate si contendono il territorio. Saccheggi ed oppressioni sulla popolazione civile sono ormai all’ordine del giorno. Ad aggravare la situazione l’occupazione da parte dei miliziani dello Stato Islamico di ingenti territori. A farne le spese è sempre la popolazione civile. La Casa Bianca analizza anche il fronte immigrazione clandestina. Sul tema era già intervenuto a Washington anche il ministro degli Esteri francese Laurent Fabius, che ha dischiarato: «Abbiamo bisogno di risorse, di risorse molto più sostanziose per questa operazione di controllo dei confini […] per poter soccorrere le persone che rischiano il naufragio». Subito dopo ha fatto rientro in Europa per partecipare al Consiglio dei Ministri europei, indetto per discutere sull’emergenza immigrazione. «Occorre un’iniziativa straordinaria, umanitaria, che coinvolga oltre all’Ue anche l’Organizzazione delle nazioni unite per intervenire direttamente nei paesi di origine» ha affermato il presidente della Repubblica Sergio Mattarella nell’incontro, tenutosi al Quirinale, tra i presidenti dei Parlamenti degli Stati europei. Nel frattempo la Commissione europea ha accettato di raddoppiare i finanziamenti per l’operazione Triton. Convocato per giovedì mattina, dall’alto rappresentante per la politica estera Ue Federica Mogherini, un vertice straordinario del Consiglio europeo per discutere sulla grave crisi che si sta presentando davanti alle coste italiane.

44 views
bookmark icon