Boy Erased – Vite cancellate ~ Il recupero della dignità

 -  -  12


Dopo il riuscito debutto dietro la macchina da presa con il thriller Regali da uno sconosciuto – The Gift, l’australiano Joel Edgerton, attore camaleontico (gli andrebbe riconosciuto più spesso), vuole dimostrare il proprio eclettismo pure in campo registico, perciò cambia registro.

Adatta (occupandosi pure della sceneggiatura e cambiando i nomi) le memorie di Garrard Conley, da giovane abitante in un piccolo paese, che per non scontentare il padre, un pastore battista, accettò di seguire una terapia “riabilitante” quando ammise di essere gay. Insomma, medesimi tema e sfondo dell’ingiustamente inosservato La diseducazione di Cameron Post, ma con un aggancio biografico.

Jared (Lucas Hedges, già adolescente in difficoltà in Manchester by the Sea e nel recentissimo Ben Is Back, dove era il rampollo di Julia Roberts), una fidanzata e due genitori che lo adorano (l’impeccabile Nicole Kidman, che ancora aspettiamo di vedere nel lodato Destroyer, e un misurato Russell Crowe), si accorge della sua omosessualità al college, in maniera brusca. Cresciuto in un ambiente rigido (e perciò turbato), pensa che il percorso di riconversione (il lungometraggio punta il dito appunto sulla resistenza degli istituti che, ancora oggi, se ne occupano, con metodi sostanzialmente improvvisati) sia inevitabile. Avrà drammaticamente modo di ricredersi sulla sua efficacia.

La trama è sapientemente costruita attraverso dei flashback, che ne saturano, senza enfasi inutili, il significato nonché il civile atto d’accusa. Malgrado le notevoli performance del cast (Edgerton compreso, che riserva per sé la parte del mediocre dirigente del centro di recupero, in teoria abilitato a curare pure le dipendenze vere), l’opera a volte scorre meno fluidamente, soprattutto a metà strada. Però possiede momenti assai vibranti, come il confronto definitivo tra figlio e predicatore, che implica – non riveliamo troppo – una richiesta semplicissima da soddisfare, eppure – come illustrato con celato equilibrio dal plot – ardua per chi la riceve, probabilmente più che sottoporsi a un’inversione di orientamento sessuale forzata. Le colpe della società bigotta emergono così un’ultima volta senza strilli, con il dolore alle spalle.

Dotata in apertura di filmati autentici riguardanti l’infanzia di Hedges e di suggellanti didascalie finali, la pellicola si avvale delle partecipazioni del musicista Flea, dell’inglese in forte ascesa Joe Alwyn (Maria regina di Scozia, La favorita), a cui va il ruolo-chiave di Henry, e soprattutto dell’enfant prodige canadese Xavier Dolan (è il pesto Jon), avvezzo a recitare perlopiù nei film che dirige.

Boy Erased – Vite cancellate (Boy Erased, Australia/USA, 2018) di Joel Edgerton con Lucas Hedges, Nicole Kidman, Russell Crowe, Joel Edgerton, Xavier Dolan

Massimo Arciresi

12 recommended
comments icon 0 comments
0 notes
339 views
bookmark icon

Write a comment...

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *