Estorsione continuata arrestato un 35enne pregiudicato di Motta Sant’Anastasia (Video)

 -  -  1


I Carabinieri della Tenenza di Misterbianco, nella flagranza del reato di estorsione continuata, hanno arrestato il 35enne Alessio VIRGILLITO, pregiudicato di Motta Sant’Anastasia.

I militari hanno ricevuto la richiesta d’aiuto del gestore di un CAF, il quale ha raccontato loro d’essere già stato anche precedentemente vittima dell’odioso reato e che, purtroppo, l’autore del reato stava ulteriormente reiterando le violente richieste estorsive.

Hanno così raccolto la denuncia della vittima che, nelle sue dichiarazioni, ha raccontato che nel gennaio dello scorso anno aveva assistito il VIRGILLITO nell’iter burocratico per la richiesta del cosiddetto “reddito di cittadinanza”, poi concessogli e percepito.

Ma l’efficienza lavorativa della vittima deve probabilmente aver impressionato il malvivente se una decina di mesi dopo, in particolare nello scorso mese di novembre, quest’ultimo lo ha nuovamente interpellato pretendendo stavolta, in maniera molto “energica” e con modalità inequivocabili, i soldi di cui egli era in possesso in quel momento, necessari a suo dire per aiutare un amico in difficoltà economiche per essere stato da poco scarcerato.

La vittima, intuito il guaio in cui era finita, ha preferito soprassedere ed in quell’occasione gli ha consegnato i soldi contenuti nel suo portafoglio, 620 euro, nella speranza che tutto avesse fine in quel momento.

Speranza vana infatti, dopo circa due mesi ed esattamente negli ultimi giorni del mese di gennaio scorso, il VIRGILLITO si è ripresentato alla vittima addebitandogli la causa della presunta cessata erogazione del reddito di cittadinanza e, mentre ingenuamente il malcapitato stava apprestandosi a controllare al computer la regolarità della pratica, l’estortore lo ha colpito con un violentissimo pugno in pieno volto facendolo stramazzare a terra.

Nei giorni successivi l’estortore, anche tramite WhatsApp, ha ribadito al malcapitato con modi consoni al tipo di reato la richiesta di ulteriori 500 euro tanto che quest’ultimo, posto di fronte all’impossibilità di soddisfarle, si è rivolto ai Carabinieri per porre fine alla brutta storia.

I militari hanno pertanto teso la trappola al malvivente che si è effettivamente presentato nell’ufficio della vittima, ricevendo da quest’ultima 10 bancone da 50 euro che immediatamente dopo, appena fuoriuscito e gongolante per il facile colpo appena andato a segno, ha avuto l’inaspettato regalo delle manette che gli sono state messe ai polsi dai carabinieri.

L’arrestato è stato tradotto nel carcere catanese di Piazza Lanza, ove permarrà in stato di detenzione come disposto dal G.I.P. nell’udienza di convalida dell’arresto.

comments icon 0 comments
0 notes
110 views
bookmark icon

Write a comment...

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *