Operazione “Ombre Nere” Esecuzione di perquisizioni a carico di estremisti di destra

 -  -  7


Dalla prima mattina di oggi la D.I.G.O.S. di Enna – all’esito di un’inchiesta avviata da circa due anni – coadiuvata dagli omologhi uffici di Siracusa, Milano, Monza Brianza, Bergamo, Cremona, Genova, Imperia, Livorno, Messina Torino, Cuneo, Padova, Verona, Vicenza e Nuoro, sta dando esecuzione a 19 decreti di perquisizione domiciliare emessi dalla Procura Distrettuale di Caltanissetta d’intesa con la Direzione Nazionale Antimafia e Antiterrorismo nei confronti di altrettanti estremisti di destra indagati per costituzione e partecipazione ad associazione eversiva ed istigazione a delinquere.

L’attività – diretta dalla PROCURA DISTRETTUALE di CALTANISSETTA– viene svolta  sotto il coordinamento della Direzione Centrale Polizia di Prevenzione – Servizio per il Contrasto dell’Estremismo e del Terrorismo Interno e con la collaborazione del Servizio della Polizia Postale e delle Comunicazioni.

L’operazione – che trae origine da un monitoraggio di militanti di estrema destra locali –  ha consentito alla D.I.G.O.S. di Enna di far emergere l’esistenza di una vasta e frastagliata galassia di soggetti, residenti in diverse località, accomunati dal medesimo fanatismo ideologico ed intenzionati a costituire un movimento d’ispirazione apertamente filonazista, xenofoba ed antisemita denominato “Partito Nazionalsocialista Italiano dei Lavoratori”.

Dalle indagini, è emerso che gli accusati – alcuni dei quali hanno in più occasioni fatto riferimento ad un’asserita disponibilità di armi ed esplosivi – oltre ad aver definito la struttura interna e territoriale del movimento, creato il simbolo e redatto il programma – dichiaratamente antisemita e negazionista – hanno condotto attività di reclutamento e proselitismo pubblicando contenuti del medesimo tenore sui propri account social anche nell’ambito di una chat chiusa  denominata “Militia”, finalizzata all’addestramento dei militanti.

Significativo al riguardo il coinvolgimento – in qualità di addestratore – di un pluripregiudicato calabrese, ex “legionario” nonché esponente di spicco della ‘ndrangheta,  con un passato da collaboratore di giustizia e già referente di Forza Nuova per il ponente ligure.

In tale contesto si evince il comune tentativo del sodalizio di accreditarsi in diversi circuiti internazionali avviando contatti con organizzazioni di rilievo come Aryan Withe Machine – C18[1] –  espressione del circuito neonazista Blood & Honour inglese  – ed il partito d’estrema destra lusitano “Nova Ordem Social”.

Tale percorso ha trovato concreta realizzazione in occasione della “Conferenza Nazionalista” svoltasi lo scorso 10 agosto a Lisbona  con l’obiettivo di creare un’alleanza transnazionale tra i movimenti d’ispirazione “nazionalsocialista” di Portogallo, Italia Francia e Spagna: nella circostanza, un’indagata è intervenuta in qualità di relatrice, distinguendosi per l’accesa retorica antisemita del proprio intervento.

Numerosi  riscontri sono stati rilevati circa l’elevato grado di fanatismo violento, intriso di xenofobia e nostalgie filonaziste degli indagati, i quali più volte alludono a non meglio precisate progettualità di eversione dell’ordine democratico:……ad ottobre inizieranno gli addestramenti della milizia nazionalsocialista…sforneremo soldati pronti a tutto”; vi sta spronando per farvi diventare macchine da guerra….solo allora possiamo andare contro tutto e tutti”.

I militanti venivano “selezionati” e testati ideologicamente da alcuni reclutatori tramite un profilo Facebook fittizio avente lo scopo di accreditarsi su profili ritenuti interessanti per passare in un secondo momento a contatti telefonici finalizzati a profilare ideologicamente l’interlocutore ed eventualmente coinvolgerlo.

Si richiamano al riguardo le dichiarazioni rese da un indagato quando illustra il proprio obiettivo politico, esaltando il vantaggio strategico di un’organizzazione sostanzialmente clandestina –  avviata due anni prima sotto il motto “Invisibili  Silenziosi e Letali” – in grado di: ”formarsi militarmente, avere maggior sicurezza uno dell’altro, potersi muovere lontano da occhi indiscreti, essere veramente di supporto operativo o anche solamente politico alla bisogna, avere dalla nostra l’effetto sorpresa, avere la conoscenza del territorio.. quindi colpire e ritirarsi sui monti”.

Nei dialoghi spesso viene condivisa con gli interlocutori la necessità di avviare azioni violente, facendo riferimento ad un canale aperto di fornitori in grado di munirli di Kalashnikov a 150 euro; al riguardo un altro indagato si dichiara disponibile all’azione, vantando la sua pregressa esperienza militare: suggerisce di iniziare  anche con un’azione minima a Milano o Genova contro una sede dell’ANPI con una bottiglia di benzina  da far lanciare ad un marocchino per depistare; al riguardo il suo interlocutore si vanta di girare con una corda in auto e che sarebbe pronto ad usarla, non avendo remore se necessario a “spezzare una carotide”.

Altro elemento significativo caratterizzante la matrice ideologica ed il frasario dei militanti riguarda il loro feroce antisemitismo, lasciandosi spesso andare a commenti e considerazioni di aberrante ferocia, nel quale si giustifica e legittima la politica di sterminio nazista:” Ammiro Hitler perché li bruciava tutti…sono razzista, fascista e sono felicemente omofobo”, dichiarando apertamente “guerra agli ebrei…fulcro di ogni problema”;

Si riporta inoltre  una recente conversazione nella quale gli interlocutori ironizzano su quanto potrebbero dire telefonando ad un numero telefonico attraverso il quale è possibile segnalare autori di episodi e post antisemiti:

  • : “ho dato quasi fuoco ad un ebreo… per voi va bene?… gli ho marchiato una stella sulla fronte, va bene per voi?
  • :“devo acquistare un forno, mi consiglia la dimensione?”.

L’interlocutore poi aggiunge:” io sposerei un ebreo solo per torturarlo giorno dopo giorno..gli tagli un dito poi glielo fai ricucire e poi gli tagli l’altro e poi così giorno dopo giorno ….. io ho avuto un’idea questi devono avere la stella di David marchiata a fuoco sulla fronte dalla nascita così non sfuggono le donne vanno sterilizzate tutte quelle cagne e gli uomini vanno castrati..questo è il metodo migliore.. io non capisco perchè Hitler non ci abbia pensato…

Solo a parlare dei Giudei mi viene il prurito…brutte bestie..vanno sterminati tutti, vanno tutti ammazzati, ste bestie bastardi maledetti, guarda quanti morti stanno facendo sti brutti cani ebrei di merda….. questi vanno linciati, uno ad uno, ma anche andare a prenderli la notte, sono dei degnerati della società…ma crepate tutti quanti, bastardi maledetti, morite”

Milano

Questa mattina personale della Digos della Questura di Milano, nell’ambito dell’operazione OMBRE NERE della Digos di Enna, ha eseguito tre perquisizioni a carico di tre estremisti di destra, indagati dalla Procura Distrettuale Antimafia di Caltanissetta, per costituzione e partecipazione ad associazione eversiva ed istigazione a delinquere.

Le tre persone indagate sono due donne e un uomo, tutti italiani.

Le due donne sono R.F 26enne, residente a Pozzo d’Adda, e B.G.C. 46enne, residente a Milano; l’uomo è G.F. 41enne, residente a Lacchiarella.

R.F., questa estate, ha preso parte come oratore ad un convegno di estremisti di destra tenuto a Lisbona lo scorso 10 agosto e ha partecipato ad un concorso on line, sul social network VK, vincendo il titolo di Miss Hitler 2019.

A seguito delle perquisizioni, sono stati sequestrati due coltelli, tre cellulari, due computer e un tablet, diverso materiale d’area, busto di Benito Mussolini, libri sul giudaismo e sul fascismo.

[1] L’acronimo C18, abbreviativo di Combat 18 , in cui i numeri 1 e 8 indicano la prima e l’ottava lettera dell’alfabeto A e H significa i “Combattenti di Adolf Hitler”.

7 recommended
comments icon 0 comments
0 notes
105 views
bookmark icon

Write a comment...

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *