Parricidio a Rossano. in appello pena dimezzata per Alessandro Manzi

 -  -  1


I giudici di secondo grado accolgono la tesi difensiva dell’Avv. Ettore Zagarese. Esclusa l’aggravante della premeditazione. Condanna ridotta a 9 anni

Corigliano Rossano, 29 ottobre 2019: Condivisa dai Giudici di Appello la tesi difensiva sostenuta dall’avv. Ettore Zagarese, difensore del 28enne Alessandro Manzi, e ridotta di oltre la metà la pena che in primo grado era stata inflitta a suo carico. Questa la decisone della Corte di Assise di Appello di Catanzaro che, al termine di una lunga camera di consiglio, ha accolto l’appello proposto dalla difesa e ridotto la pena di 18 anni e dieci mesi di reclusione originariamente inflitta dalla Corte di Assise di Cosenza a nove anni di reclusione con eliminazione di tutte le sanzioni accessorie.

Condividendo i motivi di appello proposti dal difensore, i Giudici di secondo grado hanno infatti escluso l’aggravante della premeditazione nell’omicidio e hanno concesso al parricida la circostanza attenuante della provocazione in misura prevalente così giungendo ad una congrua riduzione di pena.

Il PG d’udienza aveva invece concluso chiedendo la conferma della sentenza di 1° grado.

Il PM di primo grado, a sua volta, aveva chiesto infliggersi la pena dell’ergastolo.

Di diverso avviso l’avv. Ettore Zagarese che, durante la sua arringa, ha sostenuto come il giovane fosse meritevole di una benevola valutazione in maniera ancor più dilatata rispetto a quanto statuito in primo grado e ciò in conseguenza tanto della condotta processuale serbata quanto del fatto che questi avesse compiuto il gesto in preda ad un forte stato di disperazione a cui il genitore lo aveva portato con il perdurare della sua condotta ai danni suoi e dei familiari. Da qui la richiesta di concessione della circostanza attenuante della provocazione per contro negata in primo grado. Parimenti il difensore vittoriosamente ha sostenuto la insussistenza della circostanza attenuante della premeditazione dell’omicidio evidenziando come il delitto fosse stato commesso d’ impeto e quale reazione alla ennesima condotta abusante patita dal genitore.

L’ avv. Ettore Zagarese, sentito dopo il processo ha dichiarato: «Oggi si è scritta una bella pagina di storia processuale. Il mio cliente non ha mai negato la gravità del suo gesto ma ha chiesto che venissero considerate le ragioni che lo avevano a ciò indotto. I Giudici di secondo grado lo hanno fatto appieno per cui giustizia è stata fatta. Attendo ora il deposito delle motivazioni».

Il giovane Alessandro Manzi è accusato di omicidio volontario, perché la sera del 17 novembre del 2017 avrebbe ucciso a colpi di fucile il padre Mario sull’uscio di casa. Subito dopo il fatto, il 28enne si era costituito dai Carabinieri assumendo la responsabilità dell’accaduto e narrando di come fosse arrivato a ciò dopo anni di vessazioni che avrebbe subito all’interno delle mura domestiche che condivideva con il padre, noto pregiudicato, e con la sua famiglia.

Com. Stam.

comments icon 0 comments
0 notes
67 views
bookmark icon

Write a comment...

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *