Milano: la Polizia sospende la licenza per 7 giorni al “EL CAFÈ DE MILAN”, sito a Milano, viale Jenner n. 14

 -  -  10


La Polizia di Stato, nell’ambito dell’attività di prevenzione e controllo del territorio e di monitoraggio dei locali pubblici mediante i sistematici servizi finalizzati al contrasto dei fenomeni di criminalità, ha sospeso la licenza per 7 giorni al locale denominato “EL CAFÈ DE MILAN”, sito a Milano, viale Jenner n. 14;

Il Questore di Milano, Marcello Cardona, ha disposto il decreto di sospensione della licenza, ai sensi dell’art. 100 del T.U.L.P.S. dell’esercizio per 7 giorni emesso in data 05.12.2018 e notificato in data 06.12.2018 dal Commissariato di PS “ Comasina“. L’art. 100 del T.U.L.P.S. prevede che il Questore possa sospendere la licenza di un esercizio, anche di vicinato, nel quale siano avvenuti tumulti o gravi disordini o che sia abituale ritrovo di persone pregiudicate o pericolose o che, comunque, costituisca un pericolo per l’ordine pubblico e la sicurezza dei cittadini.Gli episodi accaduti nel locale, accertati dagli agenti del Commissariato di PS “ Comasina” con la collaborazione di personale dell’Ufficio Prevenzione Generale e Soccorso Pubblico, per la loro gravità, hanno reso necessario il Provvedimento, predisposto dal personale della Divisione Polizia Amministrativa e Sociale della Questura di Milano ed il Questore ha disposto la sospensione della licenza al fine di evitare la reiterazione dei comportamenti illeciti e violenti da parte dei suoi frequentatori con precedenti penali e di Polizia, anche per reati in materia di stupefacenti, i quali possono arrecare danno per l’ordine pubblico e la sicurezza dei cittadini scoraggiando nel locale la presenza abituale di avventori pregiudicati o tratti arresto in più circostanze. Lo scopo perseguito dal citato art. 100 è quello di perseguire l’effetto dissuasivo sui soggetti “indesiderati”, i quali sono privati per qualche tempo di un luogo abituale di aggregazione e avvertiti della circostanza che la loro presenza nell’esercizio è oggetto di attenzione da parte dell’Autorità di P.S.Dagli esiti dei controlli effettuati presso il locale da agenti della Polizia di Stato è emerso quanto segue:• in data 2.2.2018, alle ore 21.17, gli agenti durante un controllo hanno rinvenuto, occultata all’interno di una macchinetta cambia moneta posta accanto ai videogiochi, una confezione di sostanza stupefacente contenente hashish per un peso di grammi 27,02; nella stessa circostanza, gli operanti hanno identificato due avventori, uno dei quali risultava gravato da precedenti per violazione della normativa sugli stupefacenti e dell’immigrazione clandestina.• in data 20.2.2018, alle ore 14.30, sono stati identificati due avventori, uno dei quali con precedenti di polizia per lesioni personali e minacce; alle successive ore 15.45, in occasione di un ulteriore controllo, il medesimo equipaggio identificava sei avventori, due dei quali gravati da precedenti di polizia per ricettazione.• in data 15.3.2018, alle ore 3.23, personale dell’Ufficio Prevenzione Generale ha effettuato un controllo ed identificato quattro avventori, due dei quali gravati da precedenti per associazione per delinquere, estorsione, prostituzione e violazione della normativa sugli stupefacenti;• in data 12.8.2018, alle ore 1.08, un equipaggio di polizia è intervenuto presso il locale per una lite tra un dipendente e un avventore, che ha dichiarato di essere stato colpito violentemente con calci e pugni, anche dopo essere caduto a terra e che, soccorso da personale medico, è stato trasportato in ospedale. • in data 7.9.2018, alle ore 19.00, sono stati identificati sei avventori, di cui due con precedenti e colpiti da misure restrittive della libertà personale.• in data 20.9.2018, sono stati identificati quattro avventori, di cui due con precedenti per reati in materia di stupefacenti e contro il patrimonio.• in data 4.10.2018 sono stati identificati dieci avventori, di cui due con precedenti penali in materia di stupefacenti, inosservanza della normativa sull’immigrazione e destinatari di provvedimenti emessi dall’Autorità di Pubblica Sicurezza.Tenuto conto che il “EL CAFÈ DE MILAN” costituisce concreto pericolo per l’ordine pubblico e la sicurezza della cittadinanza, si è provveduto alla chiusura per 7 giorni e gli agenti del Commissariato di PS “Comasina“ hanno apposto in data 06.12.2018 i sigilli su ordine del Questore

10 recommended
comments icon 0 comments
0 notes
174 views
bookmark icon

Write a comment...

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *