Rugby: Italrugby, O’Shea: “Francia squadra forte. Focus puntato sulla nostra prestazione”

 -  -  4


Roma – Mancano poco meno di quarantotto ore all’ultimo match della Nazionale Italiana Rugby al Guinness Sei Nazioni 2019 contro la Francia, partita in calendario sabato 16 marzo alle 13.30 allo Stadio Olimpico di Roma che sarà trasmessa in diretta su DMAX, canale 52 del digitale terrestre a partire dalle 12.50.

La Francia è una squadra molto forte – ha commentato Conor O’Shea durante la conferenza stampa di annuncio della formazione dell’Italia – come tutte le squadre che affrontiamo al Sei Nazioni ogni anno. Il nostro “viaggio” verso l’alto livello sta proseguendo sono sicuro che la strada è quella giusta. Sicuramente in Francia la pressione è diversa, ma noi abbiamo la stessa voglia di vincere e vogliamo chiudere il torneo nel migliore dei modi. Il focus sarà incentrato su noi stessi”.

“Contro l’Inghilterra non abbiamo fatto un grande lavoro in difesa e abbiamo concesso troppo. Abbiamo fatto anche cose buone e fallito due opportunità importanti che forse non avrebbero cambiato l’indirizzo della partita ma avrebbero portato a un’analisi diversa nel finale del match. In settimana sono stati analizzati gli errori commessi cercando di non ripeterli contro il prossimo avversario”.

Su Zanon, all’esordio in maglia Azzurra: “E’ un ragazzo con grandi abilità e avrà una grande opportunità. E’ tranquillo al momento. Sarà una grande sfida per lui contro Fofana e Bastareaud. Insieme a Morisi, con cui è abituato a giocare insieme anche a Treviso, sarà una giornata per lui e per la sua famiglia”.

Quella contro la Francia potrebbe essere l’ultima partita al Sei Nazioni con la maglia Azzurra per i tre centurioni Parisse, Zanni e Ghiraldini: “Hanno sempre la stessa energia ogni settimana. E’ difficile a volte avere tanta energia dopo una partita come quella di sabato scorso, ma quando vedo Sergio, Alessandro e Leonardo lottare sempre di più in allenamento… credo ancora di più che una grande prestazione sabato prossimo potrebbe essere un giusto riconoscimento per loro e per tutto il gruppo”.

Com. Stam.

4 recommended
comments icon 0 comments
0 notes
59 views
bookmark icon

Write a comment...

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *