Cannabis terapeutica. Dalla Francia statistiche scoraggianti: fumare cannabis sta causando complicazioni sempre più gravi

 -  -  7


Cannabis terapeutica. Dalla Francia statistiche scoraggianti: fumare cannabis sta causando complicazioni sempre più gravi. Le morti che coinvolgono la cannabis sarebbero aumentate negli ultimi anni. Secondo uno studio gli uomini sulla trentina sono i soggetti principalmente coinvolti. La soluzione: controllare le somministrazioni e monitorare i pazienti

Il numero di segnalazioni di problemi di salute e decessi legati alla cannabis e ai cannabinoidi sarebbe aumentato in Francia tra il 2012 e il 2017. I dati presentati al comitato speciale scientifico temporaneo sulla cannabis terapeutica dovrebbero incoraggiare le cautele. Questo comitato è stato creato a settembre dall’Agenzia nazionale francese per la sicurezza dei medicinali e dei prodotti sanitari, l’omologa dell’AIFA in Italia, per giudicare la pertinenza e la fattibilità della fornitura di cannabis a scopo terapeutico nel paese transalpino. Recentemente l’agenzia ha raccolto la prospettiva degli operatori sanitari e ha esaminato i dati rivenienti dalla vigilanza per valutare i potenziali rischi. Il dott. Emilie Bouquet, del Centro per la valutazione e l’informazione sulla dipendenza da droghe e la vigilanza sulle dipendenze, del CHU (Centro ospedaliero universitario) di Poitiers, ha presentato i risultati di un’indagine nazionale condotta in 13 centri francesi. L’analisi ha incluso 2217 notifiche di vigilanza relative alla cannabis da sole o in combinazione con alcol e / o tabacco tra il 2012 e il 2017. “Il numero di casi con cannabis è triplicato, da 179 nel 2012 a 562 nel 2017, quando il numero complessivo di notifiche è raddoppiato da 2.833 a 5.560 casi “, ha rilevato. Complessivamente, gli uomini sulla trentina sono le vittime principali, il più delle volte con esposizione cronica e uso frequente di tabacco o addirittura di alcol. Per più di un paziente su cinque, l’uso della cannabis era “autoterapeutico”, tra cui ansiolitico, sedativo e ipnotico. Le complicanze riportate erano psichiatriche in più della metà dei casi, con dipendenza e / o richiesta di prelievo (35%), in gran parte in anticipo di disturbi psicotici, aggressività, impulsività e / o violenza e manifestazioni ansiose, ideazione depressiva, persino suicida. Secondo il dottor Bouquet, una metà della popolazione interessata ha rilevato una storia psichiatrica. Ma i problemi non si fermano qui. Le notifiche menzionano problemi neurologici nel 15,6% dei casi, che riguardano principalmente le età estreme. Questi sono principalmente disturbi della coscienza, memoria, cognizione e concentrazione, ictus, convulsioni ed epilessia. Le complicazioni gastrointestinali riguardano il 7,8% delle persone (principalmente nausea e vomito, così come i dolori addominali). Per quanto riguarda i disturbi cardiaci, riscontrati nel 7,7% dei casi, assumono solitamente la forma di tachicardia, palpitazioni e talvolta infarto. Sempre secondo il dottor Bouquet, le morti per cannabis sono aumentate tra il 2012 e il 2016. Durante questo periodo, lo specialista conta 131 decessi diretti, 62 dei quali legati alla sola cannabis e 136 decessi indiretti, di cui 73 con questo farmaco unico. Tra il 2012 e il 2017, 16 decessi sono stati segnalati spontaneamente, coinvolgendo solo cannabis o in combinazione con tabacco e / o alcol. Nell’ambito della valutazione della disponibilità di cannabis a fini terapeutici e delle specialità a base di cannabinoidi, Émilie Bouquet ritiene pertanto che sia “imperativo prendere in considerazione questo rischio di complicazioni rare ma gravi per il possibile futuro dei pazienti esposti, mantenere la vigilanza, continuare la ricerca sulla sicurezza del lavoro e formare / informare i professionisti della salute per prescrivere, consegnare e somministrare questi prodotti “. Insomma, per Giovanni D’Agata, presidente dello “Sportello dei Diritti”, è necessario monitorare le conseguenze della somministrazione di cannabis terapeutica per evitare che i benefici riscontrati siano, alla fine, inferiori rispetto agli svantaggi.

Giovanni D’AGATA

Com. Stam./foto fonte “Sportello dei Diritti

7 recommended
comments icon 0 comments
0 notes
89 views
bookmark icon

Write a comment...

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *