San Giovanni Apostolo avviata la riqualificazione di un’area . Avviata la rimozione di una baracca

 -  -  5


Nell’ambito delle iniziative finalizzate al recupero dei quartieri di Borgo Nuovo e San Giovanni Apostolo è stata avviata stamattina  la rimozione di una baracca utilizzata frequentemente da spacciatori e ricettatori sita nei pressi della Chiesa di San Giovanni Apostolo (tra via Camarrano e via Barisano da Trani) .

La bonifica è stata curata dalla RAP su preciso mandato dell’amministrazione comunale. Presente stamattina durante le attività di rimozione della struttura, il Sindaco di Palermo Leoluca Orlando e l’Amministratore Unico Rap Giuseppe Norata.

“Siamo  al Cep , nel cuore  di San Giovanni Apostolo,  periferia di Palermo che  ha il diritto di essere un quartiere come gli altri eliminando le condizioni di degrado. A dichiararlo il Sindaco.  La demolizione di questa costruzione del tutto abusiva che è  simbolo di illegalità  è un esempio dei mandati che l’Amministrazione ha dato alla Rap per intervenire laddove ci sono condizioni di degrado rimuovendole,  prima che diventino fonte di  ulteriore degrado. Un altro passo avanti che ha bisogno del sostegno e della collaborazione di tutti i cittadini”.

Continua una campagna di recupero nei quartieri periferici  – aggiunge l’Amministratore Unico Giuseppe Norata – dove l’abbandono dei rifiuti è particolarmente significativo. Peraltro stiamo lavorando intensamente per il recupero di porzioni di degrado dove abbiamo visto il sorgere di baracce e casupole che venivano utilizzate in maniera impropria a volte anche dagli stessi cittadini”.

L’intervento di oggi ha visto la presenza di 5 operai Rap  con l’ausilio di una pala e la rimozione di  due scarrabili  di rifiuti ingombranti e un lambro di rifiuti indifferenziati.

In foto il sindaco e l’amministratore durante le attività di recupero.

 

5 recommended
comments icon 0 comments
0 notes
70 views
bookmark icon

Write a comment...

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *