Milano protagonista del dibattito di medicina legale La responsabilità dell’anestesista: punti di forza e debolezza della legge Gelli-Bianco

 -  -  2


A Milano sono ricominciate le serate AMLA (Associazione Medico Legale Ambrosiana), l’appuntamento in cui consulenti medico-legali e medici specialisti di altre discipline si incontrano per discutere di responsabilità legali dei professionisti sanitari.

Il primo incontro “Responsabilità professionale dell’anestesista” si è tenuto lo scorso 4 marzo presso l’Aula Magna dell’Istituto di Medicina Legale di Milano in via Mangiagalli 37. Il dott. Lorenzo Polo (Medico Legale Consulente Medico Direzionale di Compagnie di Assicurazione) e il dott. Dario Caldiroli (Direttore di Neuroanestesia e di Neurorianimazione dell’Istituto Carlo Besta di Milano) si sono confrontati sul delicato tema delle integrazioni di competenze all’interno della Consulenza Tecnica d’Ufficio (CTU) rispetto alle previsioni di cui alla legge Gelli-Bianco focalizzando la questione, ancora non omogenea,  della valenza del  contributo specialistico dell’anestesista alla valutazione medico legale.

“L’arruolamento dello specialista di branca nella formazione del collegio peritale rappresenta un aspetto critico ed insidioso per la soluzione dei quesiti posti dal giudice – commenta il dott. Lorenzo Polo – lo specialista viene spesso arruolato in funzione del titolo della sua specializzazione senza una preventiva e necessaria verifica della specifica e pratica conoscenza di quanto oggetto del procedimento, come previsto dalla Legge 24/2017; nella pratica quotidiana si assiste spesso alla formazione di collegi ai quali partecipano specialisti che dispongono di un titolo (per esempio anestesia e rianimazione) ma che non hanno concretamente mai esercitato l’attività oggetto dell’analisi peritale”

Nel corso della serata è stata affrontata anche la delicata questione delle modalità con cui viene spesso erroneamente aggettivata la ‘colpa grave’ e gli effetti che ne conseguono.

Il ciclo di appuntamenti, organizzati da AMLA con il patrocinio di SIMLA (Società Italiana Medicina e Assicurazioni) FAMLI (Federazione delle Associazioni Medici Legali Italiane) riprenderà lunedì 1 aprile alle ore 19 presso l’Aula Magna dell’Istituto di Medicina Legale di Milano. Il secondo incontro dal titolo “problematiche ortopediche e medico-legali nelle protesi metallo-metallo” coinvolgerà la dott.ssa Raffaella Stucchi (Medico-legale di Milano) e il dott. Franco Carnelli (Primario dell’U.F. di Ortopedia IRCCS MultiMedica di Sesto San Giovanni, MI).

SIMLA

La Società Italiana di Medicina Legale e delle Assicurazioni, in quanto società scientifica, ha lo scopo di promuovere e tutelare la cultura medico-legale a livello scientifico, legislativo, socio-sanitario e professionale e difenderne i  principi etici e deontologici. Forte di una storica e gloriosa tradizione (l’Associazione di Medicina Legale, tra i fondatori della quale c’erano Cesare Lombroso e altri grandi studiosi, risale alla seconda metà del XIX secolo) ne fa una sede naturale di riferimento. L’attuale sede è presso la Sezione Dipartimentale di Medicina Legale dell’Università La Sapienza di Roma.

Com. Stam.

2 recommended
comments icon 0 comments
0 notes
85 views
bookmark icon

Write a comment...

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *