La Turchia lascia la Conferenza di Palermo: “Siamo molto delusi”

 -  -  3


La Turchia lascia a sorpresa la Conferenza di Palermo per la Libia “con profondo disappunto”. Il vicepresidente turco Oktay ha lasciato ai cronisti una dura dichiarazione al margine della Conferenza di Villa Igiea, dove si sta tenendo il vertice internazionale.

“Comprendiamo che un fatto compiuto all’ultimo minuto da qualcuno ha abusato dell’ospitalità italiana con un tocca e fuga”, ha affermato Oktay, riferendosi probabilmente ad Haftar.

“La crisi in Libia non sarà risolta se alcuni Paesi continuano ad ostacolare il processo per i loro ristretti interessi. La Libia ha bisogno non di più ma di meno interventi esteri”.

A provocare tali dichiarazioni è stato probabilmente il comportamento di Haftar e gli incontri di questa mattina ai quali il generale ha partecipato. Haftar ha dichiarato di tenere incontri separati con le delegazioni presenti, ma di non partecipare direttamente alla Conferenza: “Non partecipiamo anche se dovesse durare cento anni”. Nonostante ciò il generale ha preso parte a una riunione nella mattinata con Conte e Sarraj, in cui ha stretto la mano al presidente del governo di accordo nazionale.

Haftar è sostenuto a livello internazionale da Arabia Saudita ed Emirati. Invece Turchia e Qatar sostengono la Fratellanza Musulmana, alcuni esponenti della quale siedono nel governo di Sarraj. All’origine della disputa vi sarebbe l’allontanamento dal potere di un qualche esponente della Fratellanza Musulmana di Tripoli, stabilito nell’accordo fra Haftar, Sarraj e Conte.

3 recommended
comments icon 0 comments
0 notes
201 views
bookmark icon

Write a comment...

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *